Ricerca scientifica Archivi · Nicoletta Paolillo

agrumi-2-e1632648095186.png

 

Mangiare agrumi porta benefici al nostro corpo, sopratutto se si considera anche la buccia.

Un recente studio ha infatti confrontato il contenuto di minerali tra la buccia e la polpa degli agrumi e determinato quali tra arancia, pomelo, mandarino, limone, lime e pompelmo rosso, giallo o verde, fosse il più ricco di minerali. 

Per lo studio ogni frutto è stato tagliato a metà, e una metà è stata omogeneizzata, trattando il campione nel suo insieme (buccia + polpa), mentre l’altra metà è stata pelata e la polpa (F) e la buccia (P) sono state omogeneizzate separatamente . 

Le arance possono inoltre arricchire il corpo con potassio, fosforo e manganese, mentre la calce può essere una fonte di calcio, zinco, sodio e soprattutto potassio. 

I ricercatori dello studio indicano che tutti gli agrumi sono una fonte molto preziosa di potassio, necessario per garantire l’equilibrio idrico ed elettrolitico.

Lo studio ha evidenziato che:

Il contenuto di macro e micronutrienti nella buccia della maggior parte dei frutti, ha superato di gran lunga la loro quantità nella polpa.

I ricercatori indicano inoltre che:

Arance e pomeli sono i frutti più ricchi di ferro e rame, quindi potrebbero essere consigliati in casi come i disturbi della produzione di emoglobina derivanti da una carenza di questi elementi. Mangiare agrumi porta quindi benefici, non solo grazie alla famosa vitamina C.

 

 

Fonte: Czech A, et al..Mineral Content of the Pulp and Peel of Various Citrus Fruit Cultivars. Biol Trace Elem Res. 2020 Feb;193(2):555-563.


melograno.jpg

I frutti e i semi, nonchè fiori e foglie del melograno (Punica granatum L.) sono ricchi di numerosi composti bioattivi. È stato dimostrato che il melograno e i suoi estratti mostrano potenti proprietà antiossidanti, antimicrobiche e anticancerogene.

Questa pubblicazione riassume studi recenti, evidenziando il ruolo vasculoprotettivo per i tannini idrolizzabili ellagitannini e acido ellagico, oltre ad altri composti (es. Antociani e flavonoidi) contenuti.

Benefici del Melograno

Gli studi hanno dimostrato che le sostanze derivate dal melograno:

  • riducono lo stress ossidativo e l’aggregazione piastrinica,
  • diminuiscono l’assorbimento dei lipidi da parte dei macrofagi,
  • influenzano positivamente la funzione delle cellule endoteliali
  • sono coinvolte nella regolazione della pressione sanguigna.

Studi clinici hanno dimostrato che l’assunzione giornaliera di succo di melograno riduce l’ipertensione e attenua l’aterosclerosi.

Gli studi esaminati indicano i potenziali benefici di un uso più ampio del melograno e dei suoi componenti come integratori alimentari o come coadiuvanti nella terapia di malattie vascolari, come ipertensione, malattia coronarica e malattia delle arterie periferiche.

Fonte: Articolo in lingua inglese su www.frontiersin.org


Pesce-crudo.jpg

Nonostante la maggior parte dei prodotti ittici siano cotti prima del consumo, la valutazione del rischio di contaminanti è ancora svolta nei prodotti crudi, influenzando molto le linee guida di salute pubblica.

In generale la valutazione del rischio viene effettuata infatti usando la concentrazione di contaminanti nel pesce crudo, mentre in genere viene ingerito cotto, il che può causare una sovrastima della quantità massima di un contaminante che può essere rilasciato dalla matrice alimentare ed essere assorbito dal corpo umano (bioaccessibilità).

Nel presente studio, è stato eseguito un test di bioaccessibilità in vitro per Galaxolide (HHCB) in campioni di merluzzo e sgombro.
I risultati indicano che:

  • i processi di cottura a vapore e grigliatura portano a una perdita del 50 – 70% di HHCB.
  • La cottura a vapore e grigliate determinano una diminuzione del contenuto di HHCB (tra il 50% e il 70% rispettivamente nel merluzzo e nello sgombro).
  • Si è osservata una riduzione maggiore nelle specie con più alto contenuto di lipidi (sgombro) rispetto alle specie con minor contenuto di lipidi (merluzzo).

Fonte: www.sciencedirect.com