Nutrizione Archivi · Nicoletta Paolillo

pasta-e1642584904511-1280x1043.jpeg

Ami mangiare la pasta?

La consigli ai tuoi pazienti?

Ci sono buone notizie per chiunque ami questo alimento…

Oggi, come ben sai, in commercio ci sono tantissimi tipi di pasta, tanto che spesso si è indecisi quale mangiare.

Recentemente ho letto uno studio italiano che riguarda la pasta fresca.

Lo studio mi ha incuriosita perché si è scoperto che la pasta di grano duro arricchita di Moringa oleifera L.: risulta un buon alimento nutritivo.

Cos’è la Moringa oleifera?

È una pianta commestibile originaria dell’India orientale che ha un notevole interesse dal punto di vista ecologico (purifica le acque), ma anche nutrizionale.
È di grande rilievo il fatto che le parti della pianta contengono tutti i tipi di aminoacidi richiesti per il fabbisogno proteico, anche quelli essenziali.
Questa cosa è pressoché unica tra i vegetali, Moringa oleifera è infatti l’unica pianta oggi nota con tali caratteristiche.

Ma torniamo allo studio…
alla pasta fresca è stata sostituita la semola di grano duro con vari grammi di polvere di foglie di Moringa oleifera essiccata (MOLP), ricca di fibre, minerali e composti antiossidanti.

I ricercatori hanno notato che da un punto di vista nutrizionale, l’inclusione di MOLP ha migliorato il contenuto di sostanze benefiche come i fenoli, e il contenuto di minerali della pasta fresca esaminata.

Per questo motivo gli studiosi indicano l’aggiunta di questa sostanza, come un valido supporto per aumentare il valore nutritivo della pasta, preservando le proprietà tecnologiche della pasta, senza intaccare inoltre le preferenze di gusto del consumatore.

Attualmente ancora non esiste in commercio questa pasta, ma si iniziano a vedere sugli scaffali formulazioni più particolari, come ad esempio quella di semola di grano miscelata con altri cereali. La PASTIFICIO ATTILIO MASTROMAURO – GRANORO SRL ha infatti lanciato sul mercato una nuova linea di pasta: la “Cuore mio Bio Granoro”, fatta con grano duro ed orzo.

Nel prossimo futuro arriveranno altre miscele, sicuramente migliorate dal punto di vista nutrizionale.
Gli amanti della pasta avranno quindi ancora più imbarazzo nella scelta.
Nel frattempo è un bene variare quella che c’è.


zucca-e1635703113164.jpeg

Oggi è la festa di Halloween e la zucca è l’alimento protagonista di questa giornata.

La zucca fa bene ai bambini?

Può provocare allergie?

Le domande sono lecite.

In un recentissimo studio, un bambino di 2 anni ha manifestato anafilassi, presentando orticaria generalizzata, labbra gonfie e aumento della dispnea dopo aver consumato semi di zucca.

La zucca e i suoi semi sono sempre più consumati dai bambini per i loro potenziali benefici per la salute. Ogni giorno, circa il 30% degli adolescenti consuma noci e semi, compresi i semi di zucca. Tuttavia, ci sono alcune prove che i semi di zucca possono esercitare effetti allergenici e indurre una grave anafilassi potenzialmente letale. 

L’allergia al melone, al cetriolo e alla zucchina, che appartengono alla stessa famiglia delle Cucurbitacee della zucca, è ben nota, contrariamente all’allergia alla zucca. 

Sono state pubblicate poche descrizioni di reazioni allergiche associate alla zucca, specialmente nei bambini. 

Ad oggi sono stati segnalati tre casi di polpa di zucca e due casi di semi tra i bambini. 

Il caso clinico di questo studio descrive un caso di anafilassi da semi di zucca in un bambino con buona tolleranza alla polpa.

I risultati indicano che l’anamnesi ha mostrato che, sebbene il bambino avesse ricevuto una dieta di eliminazione a causa di un’allergia alimentare mediata da immunoglobuline E (IgE) al latte e alle uova di mucca, l’elemento dietetico di base era la polpa di zucca. 

Il test cutaneo è risultato positivo per i semi di zucca (5 mm) ,ma negativo per la polpa di zucca (1 mm) e le IgE allergene-specifiche erano 1,34 kUA/L per i semi e 0,37 kUA/L per la polpa. Ù

La diagnostica per componenti risolti (CRD) ha rilevato IgE nei semi di sesamo, nel grano saraceno e nelle noci (proteine ​​di stoccaggio). 

Sulla base di questi risultati, è stata identificata una grave reazione anafilattica ai semi di zucca.

La conclusione degli studiosi è stato che l’anafilassi dei semi di zucca può svilupparsi in un bambino con una tolleranza alla polpa di zucca. 

Gli allergeni dei semi di zucca non sono stati ben caratterizzati. 

Fonte: Gawryjołek J, et al,. Anaphylaxis after consumption of pumpkin seeds in a 2-y-old child tolerant to its pulp: A case study. Nutrition. 2021 Sep;89:111272.


agrumi-2-e1632648095186.png

 

Mangiare agrumi porta benefici al nostro corpo, sopratutto se si considera anche la buccia.

Un recente studio ha infatti confrontato il contenuto di minerali tra la buccia e la polpa degli agrumi e determinato quali tra arancia, pomelo, mandarino, limone, lime e pompelmo rosso, giallo o verde, fosse il più ricco di minerali. 

Per lo studio ogni frutto è stato tagliato a metà, e una metà è stata omogeneizzata, trattando il campione nel suo insieme (buccia + polpa), mentre l’altra metà è stata pelata e la polpa (F) e la buccia (P) sono state omogeneizzate separatamente . 

Le arance possono inoltre arricchire il corpo con potassio, fosforo e manganese, mentre la calce può essere una fonte di calcio, zinco, sodio e soprattutto potassio. 

I ricercatori dello studio indicano che tutti gli agrumi sono una fonte molto preziosa di potassio, necessario per garantire l’equilibrio idrico ed elettrolitico.

Lo studio ha evidenziato che:

Il contenuto di macro e micronutrienti nella buccia della maggior parte dei frutti, ha superato di gran lunga la loro quantità nella polpa.

I ricercatori indicano inoltre che:

Arance e pomeli sono i frutti più ricchi di ferro e rame, quindi potrebbero essere consigliati in casi come i disturbi della produzione di emoglobina derivanti da una carenza di questi elementi. Mangiare agrumi porta quindi benefici, non solo grazie alla famosa vitamina C.

 

 

Fonte: Czech A, et al..Mineral Content of the Pulp and Peel of Various Citrus Fruit Cultivars. Biol Trace Elem Res. 2020 Feb;193(2):555-563.


banana-verde.jpg

Questo studio ha analizzato bambini e adolescenti con costipazione funzionale (secondo i Criteri Rome IV), divisi in 5 gruppi a seconda la terapia farmacologica applicata, combinata o meno con la banana verde.

I risultati ottenuti sono stati:

Il consumo di biomassa di banana verde da sola, ha ridotto in modo significativo il numero di bambini con classificazione Bristol Stool Form Scale 1 o 2, sforzandosi di defecazione, defecazione dolorosa e dolore addominale.
La percentuale di bambini che hanno richiesto una dose ridotta di lassativo è stata alta nel caso in cui la biomassa di banana verde è stata associata a picosolfato di sodio (87%) e PEG 3350 con elettroliti (63%).

La biomassa della banana verde da sola e associata a lassativi è stata ben tollerata e non sono stati segnalati effetti avversi.

Questo studio indica che la biomassa di banana verde è vantaggiosa come terapia aggiuntiva sulla costipazione funzionale, principalmente per ridurre le dosi di lassativi in bambini e adolescenti.

Fonte: articolo in lingua inglese su www.sciencedirect.com